Blog

26 Febbraio 2020

“Non merito il tuo amore”: come nascono i personaggi

Tempo fa lessi alcuni articoli in cui si sottolineava l’importanza della bellezza esteriore nella società moderna: i belli hanno più successo nella vita sociale, scolastica, lavorativa e amorosa e quindi sono sulla buona strada per la felicità, perché il loro aspetto fisico aderisce a certi standard a cui tutti ci atteniamo, magari anche inconsciamente.

Ma la bellezza non era negli occhi di chi guarda? Un osservatore attento dovrebbe riuscire a vedere oltre la facciata e riconoscere valori e virtù o la loro assenza. Ma è possibile se tutti gli occhi adottano gli stessi filtri superficiali? Così per Non merito il tuo amore ho cominciato a pensare a una donna bellissima fuori e ammaccata dentro: Camilla, che attrae la benevolenza di tutti solo per il suo aspetto angelico, ma che nasconde un’anima ferita e dei segreti spaventosi. Poi ho immaginato Stefano, il suo opposto: un uomo buono dentro, ma racchiuso in un involucro sfigurato che incute paura e soprattutto sospetto.

Tutti si fanno delle idee in base a come i due appaiono e hanno reazioni legate al loro aspetto esteriore. Loro stessi pensano di non meritarsi a vicenda: lui perché è brutto, mentre Camilla è bellissima; lei perché si ritiene avariata, mentre Stefano è puro. Sbagliano e non intuiscono la verità, e alla fine chissà se i filtri cadranno e gli occhi vedranno davvero. Comunque, non sarebbe bello se accadesse un po’ più spesso anche nella vita vera?

Samantha L’Ile

Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X