Valor – Verso una nuova vita

Stati Uniti, 20 marzo 1952

Sgt. 1ª C. Anthony Lewis STOP Caduto in missione STOP Zona operativa: Seul STOP 20 settembre 1951 STOP

«Chi era alla porta?»

Lei non rispose subito. In tasca le piastrine di Peter bruciavano. Era seduta sulle scale, doveva ancora metabolizzare, e suo marito era in attesa di una risposta. 

«Nessuno, solo un turista che voleva sapere il punto migliore per poter fare una nuotata nel lago.»

«Da quando Snyder’s Lake è diventato una meta per vacanzieri?»

«Dall’estate scorsa» rispose. «Tu eri in Africa.»

«Oh, capisco», non era affatto toccato dalla questione. «Hai bisogno di una mano?» Scese il primo scalino.

«No, no, tranquillo. Posso farcela anche da sola.» Scosse la testa, alzò le braccia. Le gambe tremarono ancora quando le mosse. Peter era sempre intorno a lei, come un fumo che la stava asfissiando.

«Non dire sciocchezze.» Kevin la raggiunse e la sollevò in braccio con sommo sforzo per portarla in camera da letto.

Era ancora tardo pomeriggio e la luce rossastra degli ultimi raggi di sole illuminava le lenzuola bianche di lino.

Giovedì 20 marzo, l’equinozio di primavera, il giorno più dolce di tutto l’anno che per Cindy non avrebbe mai avuto fine.

Un’altra fitta le trafisse fra le cosce, ma quella volta era stata molto più invadente.

«Kevin…»

«Dimmi.»

«Credo stia succedendo qualcosa… Oh!» Cindy allargò subito le gambe per istinto, qualcosa la stava abbandonando.

Le lenzuola sotto di lei si bagnarono.

«Oh, mio Dio! Kevin, cosa mi sta succedendo? Il bambino!»

Lui strabuzzò gli occhi, rimase fermo impalato a fissare la moglie contorcersi dal dolore. «Ma non è possibile, non è ancora scaduto l’ultimo trimestre.»

«Dannazione, Kevin! Sta per nascere ora! Portami all’ospedale e smettila di pensare!» ruggì, stringendo la federa del cuscino. Era terrificata, non si sentiva pronta a… quello!

Sto per diventare madre, pensò in quel preciso istante, sto per diventare madre il giorno più brutto della mia vita.

«Kevin!» urlò ancora, le prime contrazioni arrivarono in fretta. «Portami all’ospedale!» gli afferrò il braccio.

«Cindy, l’ospedale è a un’ora da qui, non puoi aspettare così tanto!» 

Lei si accasciò sul materasso. Le contrazioni diventavano sempre più forti col passare dei minuti. A intervalli regolari la trafiggevano da parte a parte come tizzoni roventi. «Kevin, aiutami! Aiutami, ti prego!»

Lui si levò gli occhiali e si scorciò le maniche, stava sudando freddo. C’era solo una possibilità. «Cindy, dovrò occuparmene io.»

«Cosa? No!» Un altro gemito. Strinse forte i denti e i pugni, contorcendo il tessuto, e quasi non strappò le lenzuola. «Voglio un dottore! Chiamalo subito!»

«Posso farlo, fidati di me. Tu devi solo continuare a respirare», le sollevò il vestito e le divaricò di più le gambe, sfilandole via le mutandine senza alcuna esitazione. «Concentrati sul respiro e non pensare a nient’altro» disse. «Non avere paura.»

«Non… non ci riesco!» ansimò fra le lacrime. «Tu non hai mai fatto nascere un bambino!»

Lui sollevò la testa e la guardò negli occhi con un sorriso compiaciuto. «In Africa ho aiutato una leonessa a dare alla luce sei cuccioli.»

«Sul serio?»

«Ricordi che mi hai conosciuto in una clinica veterinaria? Ho imparato qualcosa stando lì.»

«Non sono una cagna, maledetto idiota!» protestò di nuovo, quando ne ebbe la forza dopo un’altra contrazione.

 «Siamo tutti animali, Cindy, e ora tu sei esattamente come quella leonessa» continuò Kevin, accarezzandole il ginocchio. «Lei è stata brava, ha partorito sei piccoli leoncini. Tu riuscirai a spingere, piccola, tu ci riuscirai proprio come lei ha fatto nascere l’ultimo figlio dopo averne dati alla luce cinque, tutti in una sola volta. Adesso respira.»

E Cindy iniziò a inspirare, inspirare, ma buttare fuori l’aria era tutt’altra storia. Ci provò una volta, ci provò una seconda volta, era come in apnea, ma alla terza espirò gridando.

I suoi gemiti erano terrificanti, sembrava la stessero squartando. 

«Così, spingi più che puoi.»

Con il cuore disintegrato, Cindy spinse con tutte le sue forze.

E spinse.

Spingi!

«Mamma, ti prego, aiutami!»

«Continua! Stai andando benissimo, amore, respira più forte. Non smettere di respirare.» 

«Kevin, non ce la faccio! Basta!»

Il corpo stava facendo il possibile, ma era il suo spirito a non essere forte abbastanza. Cindy avvertiva la sua stessa vita fuoriuscire a ogni gemito e spinta convulsa.

«Vedo la testa! Eccola!» esultò Kevin.

Lei strinse i denti e si preparò a spingere con più vigore. Doveva farcela, doveva… «Mamma, aiutami! Mamma!» Pianse come una bambina. «Non ce la faccio più!» Non aveva mai creduto che mettere al mondo un bambino fosse così doloroso.

«Invece sì, il grosso lo hai già fatto.» Kevin sollevò lo sguardo ottimista su di lei. «Ti fidi di me?»

Esausta e tremante, lei lo guardò con occhi pieni di disperazione. «Sì.» 

Sei tu che non avresti dovuto fidarti di me

Cindy non credeva in Dio, ma Peter sì, perciò iniziò a pregare perché non la facesse morire senza aver prima dato alla luce quella creatura.

Un altro urlo.

Inspirò e spinse così forte da avvertire le proprie vene come esplodere in coriandoli dentro il suo corpo. Digrignò i denti finché poté trattenere le forze e con un ultimo, massacrante grido di liberazione, lasciò andare le lenzuola.

Non avvertì più nulla, né nel suo ventre, né nel suo cuore. Ciò che le affliggeva l’anima era sparito.

«Cindy, guarda, è un bambina!» Kevin era al settimo cielo. «Sta piangendo! La senti? Sta piangendo!»

Lui era sporco di sangue, ma sorrideva come non aveva mai fatto mentre teneva fra le mani quell’esserino che strillava e gemeva contorcendosi a occhi chiusi.

Lei era sfinita. Distrutta.

«Mio Dio, è piccolissima. È una fragolina, guarda» sussurrò commosso. 

Lei aprì le palpebre, ansante, quasi priva di sensi, e quando vide sua figlia per la prima volta il cuore riprese a battere. «Portamela qui» mormorò con voce impastata. «Voglio toccarla.»

Kevin allungò le braccia e appoggiò la piccola Evelyn sul ventre della madre. Cindy la strinse forte al petto, le accarezzò il visino con un dito. 

 «Hai ragione, è davvero piccola.» Stava ancora piangendo. «È bellissima.»

La piccola subito si acquietò e un’espressione di serenità si dipinse sul suo volto. Era appena nata ed era già felice.

Era ancora sporca e il cordone ombelicale la teneva unita a sua madre attraverso quel legame unico e indissolubile. Cindy le baciò la testa ricoperta di soffice peluria chiara e pianse in silenzio. Pianse lacrime di amarezza e gioia insieme.

Pianse per sua figlia che era arrivata in quel mondo troppo crudele e ingiusto, così d’urgenza e così velocemente da non essersene ancora resa conto a pieno. In quel mondo dove il destino era sempre un’incognita e la morte l’unica certezza.

Cindy pianse per Kevin, suo marito, che l’aveva aiutata a far nascere una figlia non sua.

Cindy pianse per Peter, il suo unico e più grande amore, che non avrebbe mai potuto stringere la sua bambina. 

Alla fine, Cindy pianse anche per stessa, perché sapeva cosa l’attendeva.La vita scavò un nuovo percorso e mise radici profonde laddove era stata fermata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tatjana Ciotta words edizioni

Tatjana Ciotta nasce a Benevento nel 1981, vive a Montesarchio (BN) fino al 2004 quando si trasferisce a Padova per esigenze lavorative. Dal 2009 vive nella provincia di Venezia con marito e due figlie. Dopo la maturità scientifica intraprende gli studi di visual design all’ISD -Istituto Superiore di Design di Napoli, dove si diploma nel 2001. Nel 2005, inizia la sua carriera di grafico impaginatore presso un Centro di fotocomposizione a Padova fino al 2016.
Scrive dall’età di 15 anni. Dopo una breve parentesi self-publishing il romanzo fantasy “La voce”, ritirato dopo neanche un anno, si cimenta nella stesura di copioni teatrali per l’infanzia (“Il Grande Libro delle Fiabe”, “Il Giardino Se-greto” tratto dall’opera di F.H. Burnett e “La leggenda del tesoro sommerso – La principessa del mare”) in seguito anche interpretati e diretti. Col romanzo di una vita “Olio su tela”, iniziato durante gli anni del liceo, riscritto negli anni e giunto alla sua versione definitiva nel febbraio 2020, rientra nei 90 selezionati del Premio Internazionale di Letteratura Città di Como – VII Edizione e si aggiudica il secondo posto alla Seconda Edizione del Premio Letterario Nazionale Città di Grosseto – Amori sui Generis.

liliana d'angelo words edizioni

Consegue la Maturità Classica nel luglio del 1984 presso il Liceo Classico “P. Giannone” di Caserta, e la laurea in Lettere  nel luglio del 1990 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”; oggi è docente di lettere nella Scuola Secondaria di secondo grado a tempo indeterminato.

Pubblicazioni:
Il Profumo della Viole (2005)
Il Segreto di Villa Camilla (2006)
L’Albero dei Desideri (2007)
Chiedi alla Luna (2008)
Magica Europa (2009)
La Schiava Cristiana (2010)
Come un puzzle (2012)
Le fiabe più belle (2012)
Iris e l’inganno della principessa (2014)
Siamo ragazzi (2016)
Gioco di squadra (2017)
– Corri più veloce del vento (2018)

Tutti i romanzi sono editi da Medusa Editrice.
Per Words Edizioni esordisce con La luce dell’alba.

laura baldo words edizioni

Nata e vive a Trento. Ha la passione per la lettura, i viaggi, gli animali, l’opera lirica e, di recente, la scrittura. Alcuni suoi racconti, finalisti o segnalati in concorsi, sono stati pubblicati in antologie e online. Nel dicembre 2019 è uscito il suo primo romanzo Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins), vincitore del concorso “e-Love Talent 2019”. A giugno 2020 è uscito il giallo breve La salvatrice di libri orfani (Alcheringa).

Attualmente collabora con la rivista culturale “Alibi Online”, scrive recensioni per il blog “A libro aperto” e inventa fiabe stravaganti per il sito “Piccoli grandi sognatori”.

A febbraio 2021 è uscito Il lato sbagliato del cielo (Arkadia), ambientato durante la Seconda guerra mondiale, periodo storico di cui si è appassionata. Per la serie Il tredicesimo segno, che sarà pubblicata da Words Edizioni, sta lavorando a due prequel.

Martina Boselli Words Edizioni

Classe 1990, nasce a Napoli.
Laureata presso l’università Federico II in Filologia Moderna, attualmente insegna in una scuola di periferia.

Scrive praticamente da sempre e su qualunque cosa e in qualsiasi posto si trovi.

Ama il cibo cinese, i tramonti autunnali, il rumore delle onde del mare, andare al cinema, perdersi tra i vicoletti della sua città, cantare a squarciagola mentre è in auto, leggere fiabe la sera insieme a sua figlia, guardare serie televisive una dopo l’altra e chi pratica gentilezza e sorrisi a caso, perché non se ne vedono mai abbastanza.

Non va d’accordo con la matematica, con chi non mantiene le promesse, con chi non ha a cuore il cuore degli altri e con i parcheggi.

Un giorno spera di poter vivere a Parigi e se ciò proprio non dovesse accadere, mangiare senza ingrassare sarebbe un’ottima alternativa.

Scrittrice e giornalista freelance. Vive tra la Capitale e la sua Calabria.

Al suo Gli arpeggi delle mammole (già pubblicato nel 2015) è ispirata una graphic novel; è co-autrice di Senti chi parla, volume presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia.

vanna costanzo words edizioni

Giovanna “Vanna” , classe 1995, vive a Caserta ed è diplomata in restauro delle opere pittoriche.

Ama profondamente tutto ciò che ha a che fare con l’arte (in qualsiasi campo), gli animali, la natura e la Storia.

Tenta di convincersi ogni giorno di essere nata nel decennio giusto, ma con scarsi risultati.

“La luce calda del tramonto”, primo volume della “Trilogia del Sogno Americano” e precedentemente pubblicato in self-publishing su Amazon, segna il suo nuovo esordio per la Words Edizioni.

anita sessa words edizioni editore

Classe 1988, è di origini campane. Di professione giornalista, da qualche anno scrive per passione.

“Jordan+April” è il suo primo romanzo. Inizialmente autopubblicato su Amazon, ora pubblicato nella sua nuova versione targata “Butterfly Edizioni”.

La stessa casa editrice ne ha pubblicato anche il seguito “April”. Ha all’attivo anche: “You are my Superhero” e “Ricordati di me”, entrambi disponibili sulla piattaforma Amazon in versione ebook e cartacea; il romance ad ambientazione storica “La sposa inglese” e il romance contemporaneo “Parole”, entrambi pubblicati con una casa editrice veneta.

Da novembre 2019 è l’editore responsabile della casa editrice Words Edizioni.

barbara morini words edizioni

Barbara Morini è lo pseudonimo con cui una anonima impiegata della provincia di Treviso ha deciso di pubblicare il suo primo libro.

Nata nello stesso anno della mitica Route americana, è cresciuta a pane, libri e musica ascoltata tra radio e musicassette. Animata dal fuoco della passione per la lettura, ha passato l’adolescenza in compagnia dei classici.

Negli anni ’90 ha iniziato ad attraversare mondi sconosciuti con la letteratura fantasy e per ragazzi. All’inizio del nuovo millennio si è approcciata al mondo del romance, senza abbandonare gli altri generi.

Senza davvero crederci fino in fondo ha scritto e pubblicato la sua prima storia su Wattpad, che ha riscosso un successo incredibile e che si appresta a diventare ora il suo primo libro edito Words Edizioni.

E ora, giura solennemente che non smetterà più di scrivere.

carlo lanna words edizioni

Nato a Caserta trentacinque anni fa.

Di professione è giornalista di spettacolo e collabora per IlGiornale.it e per un magazine a tematica LGBT.

È laureato in Legge e in Scienze della Comunicazione. Divora film e serie tv di tutti i tipi fin dall’adolescenza e ama follemente le saghe urban-fantasy e i dark romance.

La scrittura è nel suo DNA, ma solamente quattro anni fa è tornato a picchiettare le dita sulla tastiera e navigare con la fantasia, dopo un lunghissimo periodo di silenzio.

Ha pubblicato svariati racconti brevi su diverse antologie. Ha esordito con Scegli il nostro destino (Gilgamesh Edizioni) nel luglio 2019. Il colpo di fulmine non esiste è il suo secondo romanzo, il primo della serie NY Lovers.

gaetano cappello words edizioni

E’ nato ad Agrigento nel 1990.

Cresciuto in una famiglia poco incline alla lettura, vede nascere il proprio legame con le storie dell’orrore per puro caso: una copia di Mucchio D’Ossa rinvenuta dentro un mobile acquistato d’occasione dai genitori.

Un’epifania che lo porta a divorare ogni romanzo del genere capitato a tiro, da Stephen King a Lovecraft, passando per Shirley Jackson e Clive Barker, finché non decide di dedicarsi alla scrittura egli stesso.

Ha pubblicato in self publishing una raccolta di racconti intitolata Sette Dopo il Tramonto.

 

giulia de martin words edizioni

Classe 1991, una laurea in letteratura inglese, una in giornalismo e due anni vissuti in Irlanda, oggi ha trovato la sua occupazione nel mondo del digitale, ma non ha abbandonato la sua passione per i classici e la loro bellezza.
Vive fra le Dolomiti con un pallanuotista e due gatti, Loki e Thor, alternando web e carta stampata, lavorando come modella e viaggiando per l’Europa.

Il romanzo storico è per Giulia il mezzo per trattare temi attuali e riflessioni profonde conferendo al tutto un’anima romantica.
I suoi personaggi, donne forti e determinate che combattono per mantenere la loro posizione e felicità, rispecchiano le giovani di oggi, sognatrici e pragmatiche, che bevono la vita in un sorso solo assaporandone ogni goccia.

Come la pioggia e la Scozia, il suo romanzo d’esordio, ha vinto i Watty’s per la categoria narrativa storica nel 2019, prima di essere pubblicato da Words Edizioni. Il romanzo è stato per mesi tra i Bestseller Amazon. Anche Le Api di Waterloo ha vinto i Watty’s 2020 per la stessa categoria.

jessica marchionne words edizioni

Nasce a Sezze nel 1991.

È laureata in ‘Editoria e scrittura’ e ha continuato a frequentare corsi e tirocini anche dopo gli studi nella speranza di trasformare la sua passione in lavoro.

Legge da sempre qualsiasi genere anche se predilige il fantasy e lo storico.

Ha un blog ‘Luce sui libri’ dove recensisce libri di autori emergenti e dispensa ogni tanto qualche consiglio.

Ama i videogiochi, gli animali e pensa che l’autunno sia la stagione che meglio le si addice.

Le campane di San Pietroburgo edito da Words Edizioni è il suo romanzo d’esordio.

juls way words edizioni

Classe 1994, vive a Bologna, dove frequenta la Scuola di Archivistica.

Urbinate di nascita e di adozione, si è laureata in lettere moderne e in storia dell’arte.

Cresciuta a libri, Guccini e Platone, è un’inguaribile romantica; ama il cinema, le serie tv – soprattutto i period drama – , il sarcasmo e andare in giro per mostre e musei.

Il suo sogno è di vivere a Parigi, in una mansarda arredata in stile anni venti, con vista sul Quartiere Latino.

Inventa storie da quando ne ha memoria, ma La seconda moglie è il suo primo romanzo.

laura vegliamore words edizioni

Laura è nata a Roma nel 1989. Dopo essersi diplomata in recitazione all’Accademia Internazionale di Teatro si è trasferita a Parigi dove ha vissuto per tre anni, lavorando come agente museale.

Appassionata di storia e luoghi antichi, lettrice devota fin dall’infanzia, ha sempre adorato scrivere e, una volta tornata in Italia, si è decisa a dedicarsi a questa passione anima e corpo.

Per Dri Editore ha pubblicato il romanzo storico Terraferma.

Per Words Edizioni esordisce con il romanzo di narrativa contemporanea Novembre.

margherita maria messina words edizioni

Semplicemente Meg. Classe 1989, è siciliana e nelle sue vene scorre il sangue della sua madre naturale, l’Etna.

Laureata in Storia dell’Arte, è specializzata in conservazione e restauro dei beni archivistici e librari. Cura e gestisce un blog letterario da due anni, Il Libro Sul Comò Di Meg, dove promuove autori emergenti e piccole case editrici. Ama la storia, soprattutto l’epoca medievale e l’Ottocento. I suoi primi amori ed eterni fidanzati sono stati Dracula, Heatcliff e Erik (Il Fantasma dell’Opera), ed è cresciuta con le opere liriche e il power metal.

Divora libri, unico cibo che sazia il suo animo, insieme con la pizza e il tiramisù; li scrive anche, e ci si perde dall’età di sette anni. Adora i gatti e vagare nei boschi, soprattutto con la Luna piena.

Di storie ne ha tante da raccontare, ma Beyond the Veil è il suo romanzo d’esordio.
Dal 2020 cura la grafica del magazine Libri & Parole per Words Edizioni e dal 2021 è webmaster del sito web Words Edizioni.

Estelwen Oriel words edizioni

Estelwen Oriel è nata a Milano il 24 novembre 1989. È cresciuta a Godiasco, un piccolo paese a ridosso dei colli dell’Oltrepò Pavese, luogo in ha dimorato fin dall’età di quattro anni.

La natura si è presto rivelata la sua principale musa e ancora oggi Estelwen trova in essa la linfa vitale, ispirazione e pace.

Ha immaginato nel tempo un mondo ricamato intorno al suo spirito, ai sogni dell’anima e alle più profonde meditazioni. In questo mondo, chiamato Tiristel, ha ambientato i suoi romanzi.

“Parlare della realtà senza parlare della realtà” è la prima legge che segue durante la creazione delle sue opere.

Nel 2018 esordisce con la silloge poetica “Il pianto dei salici” e nel 2019 pubblica la novella “L’immortale che ascoltava il vento”, opera di apertura della saga ambientata a Tiristel.

 

Nata a Napoli il 19 novembre 1990, è laureata con lode in Comunicazione pubblica sociale e politica alla Federico II di Napoli.

È appassionata di scrittura, musica, arte e sport, in particolar modo di pallavolo.

Sogna di lavorare nel campo delle risorse umane; a dicembre del 2016 ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, Scegli me, con la casa editrice Eden Editori.

A maggio 2019 ha vinto il premio come Autore dell’anno, indetto dal giornale online Napoli Time.

La scrittura è da sempre il modo migliore che ha per esprimersi, scrive principalmente per se stessa, lasciando in ogni libro una piccola parte di sé.

paola russo words edizioni

Vive felice in un piccolo paese della Bassa Friulana con un marito maschio alfa, un figlio che da grande vuole fare il ninja e un gatto a cui piace essere sculacciato.
È una donna: dotata di pessima memoria (ciò nonostante non dimentica mai una promessa fatta); maldestra e distratta (ma comunque concreta e affidabile); pigra (ma nel senso buono del termine).

Adora: ascoltare musica (in particolare quella rock, anche se negli ultimi tempi ha sviluppato un amore viscerale per il cantautore anglo-italiano Jack Savoretti); guardare le serie televisive e i late show in lingua originale (preferibilmente sottotitolati); ascoltare podcast divulgativi che le amplino la mente (perché ne ha proprio tanto bisogno); essere circondata dalla simmetria e dall’ordine (cose alle quali ha dovuto rinunciare da quando è diventata una mamma).

Detesta: l’attività fisica in tutte le sue forme possibili (sesso escluso); la matematica (a cui augura di morire); le scartoffie burocratiche (Dio dovrebbe punire severamente chi le ha inventate).

Motto nella vita: trova la tua passione, coltivala, e sarai più felice; si raccoglie ciò che si semina; vivi e lascia vivere.

rita mariconda words edizioni

Nasce a Torino nel ’60 e dopo vent’anni di vita ligia alle regole cambia tutto e diventa un’emigrante al contrario trasferendosi al sud.

Sposa e madre di due figlie decide ad un certo punto di mettere nero su bianco le sue fantasie trasformandole in romanzi.

Lettrice seriale di qualunque genere predilige gli storici e in particolare i vittoriani, innamorata dei polizieschi giudiziari si diletta anche in quel genere.

I suoi libri sono accompagnati sempre da una vena ironica che alcune volte degenera nel sarcasmo.

Il suo motto è “circondatevi di persone che vi sanno far ridere, che a farvi piangere ci pensa già la vita”.

 

samantha l'ile words edizioni

Vive in provincia di Varese con il marito, tre figli, due tartarughe e un pesce.

La mattina si alza presto, ammira il monte Rosa e affronta la giornata in mezzo ai numeri in ufficio poi tra quaderni, compiti e mille altri impegni. Nel tempo libero si dedica alle parole: lettrice compulsiva da sempre, ha trovato nella scrittura un mondo tutto suo in cui evadere.

Ha pubblicato vari romanzi contemporanei: Amore, cioccolato e disastri con Butterfly Edizioni, Non come una Barbie! e la serie Cuori. Infine ha scritto la serie Le Vicende degli Island dove ha racchiuso il sogno di possedere poteri paranormali.

La trovate su Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest. L’indirizzo del suo blog è: sammylile.blogspot.it

scarlett reese words edizioni

E’ nata a Torino nel 1987 (anche se avrebbe voluto nascere negli anni 60) e spera di morire in un’altra nazione, almeno tra trent’anni, sorseggiando mojito su un’isola deserta.

Ama la musica rock, i tatuaggi e tutto quello che contiene zucchero o fa ingrassare.

È una lettrice compulsiva che scrive con la speranza di riuscire a trasmettere le stesse emozioni che riceve leggendo un buon libro.

Uno dei suoi più grandi sogni è vedere l’America, magari prima che Trump la faccia radere al suolo.

irene catocci words edizioni

Vive in Maremma, immersa nel verde e nella tranquillità (il più delle volte), con il marito, le due figlie e un levriero con l’indole di un gatto.

Ha pubblicato in self publishing:

Il dono, J.Skull, Cuore di Jagoda, Quel Mare Profondo e Doomed.

 

Des Anges Words Edizioni Autori

Milanese, classe 1991, l’altra metà di una ragazza ossessionata dai libri e che dei libri ha fatto il proprio lavoro, dopo una laurea in Comunicazione interculturale, una specialistica in Editoria e un master.

Alba colleziona maialini rosa di ogni tipo e dimensione, venera i gatti, Cristina d’Avena, le torte al cioccolato, e ha un passato da ballerina, pallavolista e pattinatrice su ghiaccio. Su di sé le piace raccontare molte storie, ma ce n’è una che considera l’incipit perfetto del romanzo della sua vita: quando è nata, a metà aprile, in primavera, una nevicata imprevista ha incollato gli sguardi al cielo. Un benvenuto che l’ha sempre fatta sentire un po’ speciale. Si considera un’imbranata cronica e un’eterna bambina che non si sforza nemmeno un po’ di crescere. D’altronde, e non potrebbe essere altrimenti, la sua fiaba preferita è Peter Pan. La ragione per cui ha cominciato a scrivere? L’Isola che non c’è esiste, e si nasconde in quel ponte di parole teso tra fantasia e realtà che lei ama creare e ricreare, per divertirsi, per giocare.

Stars – Il Re di Picche è il suo libro d’esordio e il primo volume di una serie romance che ha visto la luce nel 2014 con Triskell Edizioni, ma che torna per Words in una nuova veste, pronta a splendere.

barucco giulia

Scegliendo di intraprendere gli studi umanistici, Giulia Barucco ha deluso il nonno che la voleva ostetrica.

Le ostetriche invece ringraziano.

Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie di Arte e Spettacolo (Cattolica di Brescia) e la specialistica in Cinema, Tv e Produzione multimediale (I.U.L.M. di Milano), lavora per alcune produzioni Mediaset e Rai fino a quando, diventando moglie e mamma, inizia a lavorare come copy per alcune agenzie di comunicazione.

Non essendo sufficientemente molesta nei confronti di amici e parenti, a maggio 2019 inaugura il blog GrrrPower con alcune sue amiche e colleghe e obbliga tutti a leggere i suoi articoli.

Dal 2019 ha molti meno amici, ma tanta voglia di scrivere, leggere libri, incatenarsi al divano per guardare serie tv e molestare intellettualmente il prossimo.

simona pugliese words edizioni

Classe 1987, una laurea magistrale in lingue e letterature moderne, Simona Pugliese è nata e vive a Catanzaro con la famiglia e tre distributori ambulanti di pelo e fusa.

“Ti lascio la mia vita” è il suo romanzo d’esordio.

Susy Tomasiello nasce a Napoli con una grande passione per la lettura. È per questo che ha deciso di aprire un blog sui libri “I miei magici mondi” dove condivide con chi come lei non sa stare un giorno senza leggere. Ha un’altra passione che però coltiva da sempre ed è quella della scrittura. I suoi libri sono tutti disponibili su Amazon: Puoi fidarti di me, edito Genesis Publishing; Puoi ancora fidarti di me, novella edita Genesis Publishing; Un marito per la mamma Self Publishing; Note d’amore Self Publishing; Quando tutto cambia edito Collana Starlight; Frammenti di noi edito More Stories; Voglio solo te Self Publishing.

Contatti
Fb Susy Tomasiello Autrice e Lettrice
Ig @susytomasiello
Mail susitoma@gmail.com

Krisha Skies esordisce ancora liceale pubblicando il primo romanzo con il suo vero nome. Seguono altre tre pubblicazioni, quasi tutte di genere fantasy.

Dopo aver conosciuto la piattaforma online “Wattpad” e aver cominciato a pubblicare le sue storie proprio con lo pseudonimo di Krisha Skies – che omaggia la protagonista del primo romanzo fantasy scritto a quattordici anni e rimasto inedito –, nel marzo 2021, con lo stesso pseudonimo, pubblica per la casa editrice Horti di Giano “Dark Wings”, primo libro del Ciclo delle Ali Oscure.

Laureata in Lettere moderne, oltre che della scrittura, della lettura, del cinema e dei manga, è sempre stata un’amante dei viaggi.

Oggi si divide tra il lavoro, la famiglia e la passione per la narrativa fantastica.

Beatrice inizia a scrivere per disperazione, durante un inverno trascorso in un paesino di montagna dove l’unico passatempo era quello di evitare il congelamento.

Alla fine di quell’anno di supplenza, Beatrice aveva imparato a mungere le mucche e a scrivere romanzi rosa.

Usa uno pseudonimo perché teme il giudizio dei suoi alunni, che non immaginano quanto spesso la loro professoressa di italiano usi parolacce fuori dall’aula, e dei suoi amici, che non immaginano di vivere delle vite che qualcuno ha pensato bene di romanzare.

Come quando fuori piove è il suo romanzo d’esordio.

manuela fanti words edizioni

Sono nata a Bologna nel 1976, città in cui vivo fino all’età di trentasei anni. Nel 2012 mi sposta in Toscana per esigenze di impiego, ad Arezzo, dove lavoro come Retail manager per una multinazionale americana e dopo cinque anni, mi trasferisco per amore in Sicilia, luogo in cui attualmente vivo e continuo a occuparmi di Retail per un’azienda tessile. La scrittura mi accompagna da quando adolescente trascorrevo le notti a dare sfogo a ciò che sentivo urlarmi dentro.
Il mio primo amore letterario è stato Francis Scott Fitzgerald, poi ho scoperto King. Se non scrivo è perché sto leggendo, e se non faccio nessuna delle due cose è perché mia figlia, oggi adolescente, ha un problema da risolvere. A volte dipingo, quando ho bisogno di uno sfogo immediato che la scrittura non riesce a darmi. Amo gli animali più degli esseri umani, la solitudine e l’arte sotto ogni sua forma. Detesto gli stereotipi, stirare e i centri commerciali.
Il mio esordio avviene nel 2014 con il romanzo Semplicemente complicato, edito da Edizioni Creativa (romanzo autobiografico), L’altro suono della musica, Amazon self publishing (2016), Ciatu miu, edizioni Nulla Die (2018), Livore Amazon self publishing (2020).

pitti duchamp

Nata nel 1981 sotto il segno del Leone a Firenze. Vive tutt’ora nella provincia di Firenze, sulle colline del Mugello, con il marito rugbista, due bimbi indisciplinati e un cane anarchico. Appassionata di Burlesque e collezionista di pezzi vintage di arredamento e moda cerca di coniugare i suoi interessi scrivendo e leggendo romance storici. Se avesse del tempo libero adorerebbe trascorrerlo tra i rigattieri e i robivecchi del centro di Firenze.
È amante della storia in particolare quella dell’Europa tra il 1500 ed il 1900, i quattrocento anni che hanno creato la modernità per come la conosciamo oggi in termini di arte, pensiero filosofico e scientifico, socialità.  In Self ha pubblicato per la serie D’amore e d’Italia L’Arabesco, Lupo di primavera, La gran dama, Il pugnale e la perla nera, La fiamma del ghiaccio.
Ha partecipato alla raccolta Natale a Pemberly con uno scritto ispirato a Orgoglio e pregiudizio e alla raccolta Cuori fra le righe con un racconto ambientato durante la Grande guerra.
Per DRI Editore ha pubblicato Frittelle al miele e altre dolcezze, il primo regency, e Stupefacente banalità, un romance contemporaneo.